Quote latte e multe: una partita da chiudere definitivamente

Sulla vicenda delle multe per il superamento delle quote latte, affrontata oggi in Consiglio dei ministri e alla luce dell’analisi sviluppata dal ministro Galan, Confagricoltura, che da sempre si è battuta per il rispetto della legalità, ribadisce la convinzione che occorra ulteriormente assicurare a chi lo voglia la possibilità di regolarizzare la propria posizione.

Dice l’Organizzazione degli imprenditori agricoli: «Ci sono le condizioni per chiudere definitivamente una partita che tanto è costata e tutt’ora costa all’Italia, in termini economici e di credibilità politica».

«Occorre – prosegue Confagricoltura – che gli allevatori responsabili dei surplus produttivi manifestino, prima di sollecitare nuove attenzioni alle proprie istanze, la concreta volontà di regolarizzare la loro posizione».

«Nessuno può auspicare la chiusura di aziende o di stalle ma – osserva sempre Confagricoltura – non è nemmeno ipotizzabile che, a distanza di anni e di ripetute pronunce dell’autorità giudiziaria, ci sia tutt’ora qualcuno che si ostini a promettere, ed altri a sollecitare, percorsi inaccettabili».

Conclude Confagricoltura: «Non sono consentite ulteriori furbizie ed ulteriori richieste di vantaggi che mortificherebbero la stragrande maggioranza dei produttori che hanno operato nel rispetto della legge e delle norme. E’ sicuramente possibile cercare e proporre soluzioni economicamente sostenibili, nel più assoluto rispetto delle regole e dei diritti».

Comments

comments